Gianni Lisi segue l’”H”onda della Racing Start e ritorna nel CIVM.

IMG-20170412-WA0011

Giovanni “Gianni” Lisi, classe 1980, dopo 6 anni di assenza dalle cronoscalate (a parte un paio di sfortunate apparizioni su di una Ford Fiesta con motore moto e alcune gare una tantum) rientra in pianta stabile nel CIVM.

Lisi, vincitore nel 2010 della coppa di classe N-1600 dopo un duello sino all’ultimo metro con Angelo Marino al volante della Citroen Saxò VTS, ha definito il suo programma 2017, che lo vedrà impegnato per tutto il CIVM in Racing Start con la Honda Civic Type R.
A due settimane dall’inizio del CIVM lo abbiamo incontrato per una chiacchierata informale, in cui ci ha esposto i suoi programmi sportivi.

Con il progetto Fiesta Moto – ha esordito Lisi – credevo di andare a cimentarmi in una classe numerosa, ma così non è stato, ed anche per questo motivo non abbiamo mai davvero spinto sullo sviluppo di quella vettura. Nel mio passato ci sono le battaglie in N-1600, dove si era in tanti sia per numero che per qualità, quindi non avrebbe avuto senso correre in solitaria tra le “E1-Moto”. Nella RS 2.0 invece il parco partenti è numeroso e le vetture tutte vincenti, quindi sono veramente contento di poter tornare a competere in una classe combattuta.”
Il progetto Honda è nato per puro caso – continua il driver della Selva di Fasano – in quanto un anno fa ho acquistato una Honda Civic Type R con l’intenzione di guidarla tutti i giorni poi, venduta la Fiesta Moto e valutato le varie classi nel CIVM, ho iniziato a lavorarci su in proprio… La vettura in versione Racing Start l’avevo già guidata in gara a Fasano nel 2013, senza provarla, sedendomi in vettura solo il sabato mattina. Mi diede subito ottime sensazioni! Mi trovai di fronte ottimi avversari come Angelini, Montanaro e Chiavaroli, che facevano il campionato. Be’, per me era importante presenziare alla gara di casa, ma tra me e la Honda ci fu subito feeling e riuscii a conquistare il gradino più basso del podio.”

IMG-20170412-WA0012

Per quanto riguarda la preparazione, il cuore di questa Honda – ci ha confidato Lisi – è stato preparato dal Maestro Gianni Cozza, che reputo uno dei migliori preparatori per il propulsore nipponico, mentre alla cura della scocca ci ho pensato personalmente.

IMG-20170412-WA0013

L’obbiettivo è riuscire a di avvicinarmi ai migliori del lotto – ha esclamato ai nostri microfoni il driver – per poter sviluppare la vettura, ma ovviamente se le cose dovessero volgere al meglio, non mi tirerei in dietro per lottare per la vittoria finale. La mia filosofia in questa stagione sarà di dare il massimo gara per gara, senza guardare la classifica! I primi test in pista, con le gomme slick, hanno dato buoni riscontri, anche se la salita è diversa, e la liberalizzazione della gomme aggiunge una variabile non indifferente. Probabilmente quest’anno ci saranno gare molto più incerte, perché lo sviluppo dell’assetto per adattarlo alle coperture slick sarà fondamentale.

La cosa che più mi sta dando forza, e mi fa sopportare i sacrifici che occorrono per disputare un campionato intero – ha spiegato Lisi – è il fatto di poter partire per i weekend di gara con mia moglie e la mia bambina, che sicuramente mi daranno la giusta tranquillità interiore per affrontare la competizione.

Dopo questa chiacchierata, non ci resta che aspettare l’inizio del CIVM il 28 – 29 e 30 aprile per vedere di nuovo in azione il veloce driver pugliese e la sua nuova Honda Civic.