Presentata alla stampa la VII edizione della Morano/Campotenese

DANNY ZARDO Lola B99/50 #8 (Sc Speed m)

Ieri, nella Sala Convegni del complesso monumentale di san Bernardino da Siena, in una partecipata convention, sono stati ufficializzati e presentati alla stampa date e contenuti della VII edizione della Morano Campotenese, 4^ prova CIVM (Campionato italiano di velocità in montagna).

Hanno delineato la manifestazione in tutti i suoi aspetti, da quello tecnico a quello politico e sociale: i giovani dell’associazione Morano Motorsport, soggetto associativo che sovrintende e organizza l’evento con contagioso entusiasmo, ben rappresentato dal presidente Francesco Stabile, dal suo vice Mario Arcieri, dall’addetto alle relazioni con i piloti, Mimmo De Franco, dal direttore sportivo nonché veterano delle competizioni automobilistiche, Franco Molinaro; dal presidente della Provincia di Cosenza, Graziano Di Natale, dal consigliere regionale Franco Sergio e dal sindaco di Morano Calabro Nicolò De Bartolo.
In sala, il vicesindaco Pasquale Maradei, gli assessori Biagio Angelo Severino e Sonia Forte, il consigliere con delega allo Sport Leonardo Di Luca. Tra gli ospiti i plurititolati beniamini locali Rosario e Simone Iaquinta.

I conferenzieri, introdotti e coordinati dal giornalista Pino Rimolo, dell’Ufficio stampa del Comune di Morano, hanno innanzitutto formalizzato le date: 9, 10 e 11 giugno 2017. E’ stato confermato il tratto di strada interessato alle due sessioni di gara, ormai noto come “Circuito delle ginestre” e parte della Sp 241, nel segmento che unisce le contrade Terrarossa (km 37,500) e Campotenese, località galleria Le Teste (Km 30,400), per una lunghezza di Km 7,100. Il dislivello è di 533 metri, mentre la pendenza è pari al 5,33%.

Ritornando sui numeri e le cifre relative al clamoroso successo dell’anno scorso, sia Mario Arcieri sia Franco Molinaro hanno evidenziato come ciò sia «frutto di un grande sforzo collettivo, vissuto e prodotto in sinergia con l’Amministrazione comunale», e come «il futuro» sia, però, «legato al coinvolgimento e all’appoggio diretto e concreto delle istituzioni provinciali e regionali».

Richiesta subito accolta da Graziano Di Natale, il quale ha richiamato l’attenzione sul recente «finanziamento di 70.000 euro concesso dalla Provincia al Comune di Morano per interventi sulla Sp nei tratti moranesi». Nello specifico, buona fetta dell’importo, è stato detto, «sarà impiegato per migliorare e porre in sicurezza proprio il percorso di gara». Di Natale ha inoltre suggerito la «costituzione, nei prossimi mesi, di un tavolo ad hoc per lavorare insieme alla crescita dell’evento».

Promessa da parte dell’on. Franco Sergio, di farsi «portavoce presso la cittadella regionale delle istanze emerse e di sostenere attivamente l’avvenimento». Sergio ha anche posto l’accento sull’urgenza di «avviare azioni specifiche che consentano lo sviluppo dei centri dell’entroterra». A tal proposito si è soffermato sul disegno di legge di cui è cofirmatario e che riguarda, appunto, i piccoli comuni delle aree interne.

«Si sono create le prospettive», così il sindaco Nicolò De Bartolo in conclusione, «per una importante sinergia istituzionale, che viaggi nell’interesse della nostra comunità e della manifestazione stessa, le cui origini sono e resteranno fortemente radicate nel nostro territorio». «La Morano/Campotenese», ha rilevato il primo cittadino, «è divenuta, a ragione, una kermesse di altissimo profilo, capace di incidere positivamente sull’economia del posto e sull’immagine del nostro borgo. Ci sono margini di miglioramento? Pensiamo di sì. E a questo miriamo di concerto con l’ottimo sodalizio promotore. Da parte nostra non solo ribadiamo l’impegno del 2016, ma siamo pronti a spenderci e a compiere tutti gli sforzi possibili affinché questa sfida non sia ristretta all’ambito sportivo, ma possa risultare vincente e funzionale a uno sviluppo armonioso e definitivo per Morano e per la Calabria». De Bartolo ha terminato ringraziando tutti i soci della Morano Motorsport e rivolgendo loro i «complimenti per aver saputo mantenere, per il secondo anno consecutivo, il CIVM»: «non era scontato», ha chiosato, «né facile che ciò si verificasse».

L’ufficio stampa